Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per la propria funzionalità. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy | Chiudi avviso

Circolare n. 14 del 15 gennaio 2004 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Articolo 4 - Elementi che rendono identificabile l'indumento ad alta visibilità

Gli indumenti ad alta visibilità sono muniti di una etichetta di segnalazione e sono accompagnati da una nota informativa del produttore, nelle quali sono riportate le informazioni, secondo lo schema della tabella seguente.

Elementi che rendono identificabile l'indumento ad alta visibilità
InformazioniEtichetta di segnalazioneNota informativaNote
Marcatura CE rilasciata ai sensi dell'articolo 12 del decreto legislativo 4 dicembre 1992, n. 475, apposta in modo visibile, leggibile ed indelebile per tutto il prevedibile periodo di durata del DPISIFacoltativoÈ altresì ammessa la marcatura CE sul prodotto
Identificazione del produttore: nome, o marchio, o altro mezzo di identificazione del produttore o del suo rappresentante autorizzatoSISINella nota informativa è altresì riportato l'indirizzo completo del produttore o del suo rappresentante nel territorio Comunitario
Designazione del tipo di prodotto, nome commerciale o codiceSISI
Nome, indirizzo, numero di identificazione degli organismi notificati intervenuti nella fase di certificazione del DPINOSI
Riferimento alla norma EN 471; è possibile indicare altresì la rispondenza al decreto ministeriale 30 dicembre 2003 [*]SISI[*] Indicazione facoltativa per tener conto della presenza sul mercato comunitario di prodotti conformi provenienti da altri Paesi della Comunità.
Indicazione della taglia in conformità alla norma EN 340SINO
Pittogramma indicante il livello di prestazione dell'indumento; il numero posto più in alto (X) a fianco del pittogramma indica la classe dell'indumento in relazione all'area dei materiali di cui alla tabella I della presente circolare (per i giubbotti la classe minima è la 2; per le bretelle la classe minima è la 1).
Il numero posto in basso (Y) indica la classe del materiale retroriflettente (banda retroriflettente) in conformità al punto 6.1 della norma EN 471; sia per i giubbotti che per le bretelle si richiede la classe 2
SISI
Istruzioni per l'uso, che comprendono le seguenti informazioni:
  • come indossare e togliere l'indumento;
  • manutenzione e pulizia: come pulire l'indumento sulla base delle istruzioni complete di lavaggio o lavaggio a secco;
  • indicazione del numero di processi di pulizia senza che venga diminuito il livello di prestazione dell'indumento;
  • spiegazione dei simboli di lavaggio, che figurano sull'etichetta di segnalazione
NOSI
Simboli di lavaggioSISI

Le informazioni sopra descritte sono riportate negli esempi di etichetta di segnalazione (allegato 2) e di nota informativa del produttore (allegato 3).
Si sottolinea come le informazioni di cui ai citati allegati sono fornite a puro titolo di esempio e possono variare nei contenuti, fermo restando quanto prescritto dalla norma EN 471 e dall'allegato II, punto 1.4, del decreto legislativo n. 475 del 1992 come modificato dal decreto legislativo n. 10 del 1997.


Allegato 1 - Prospetto riassuntivo delle caratteristiche dei giubbotti e delle bretelle ad alta visibilità

Caratteristiche dei giubbotti e delle bretelle ad alta visibilità
tessuto di fondo Area minima: (rif. UNI EN 471 punto 4.1) almeno 0.5 mq di tessuto fluorescente per i giubbotti, così come previsto per la classe 2 dalla tabella I

almeno 0.14 mq per le bretelle come previsto per la classe I dalla tabella I
Banda retroriflettente Area minima: (rif. UNI EN 471 punto 4.1) almeno 0.13 mq per i giubbotti come previsto per la classe 2 dalla tabella I

almeno 0.10 mq per le bretelle come previsto per la classe 1 dalla tabella I
Prestazioni fotometriche: (rif. UNI EN 471 punto 6.1) Le caratteristiche di retroriflettenza devono soddisfare i requisiti della tabella II (classe 2) sia per i giubbotti che per le bretelle
Posizionamento delle bande retroriflettenti La banda deve essere cucita ad almeno 5 cm dal bordo e ogni banda deve essere distanziata di almeno 5 cm.

L'altezza della banda è di almeno 5 cm per i giubbotti e di almeno 3 cm per le bretelle
Esempi di modelli di giubbotti (gilet) previsti dalla norma EN 471 Immagine che illustra i vari modelli di giubbotti
Esempi di bretelle previsti dalla norma EN 471. Immagine che illustra vari esempi di bretelle

Allegato 2 - Esempio di informazioni da riportare nell'etichetta di segnalazione

(tra parentesi sono indicati i riferimenti all'articolo 4 del testo della circolare)

Esempi di informazioni da riportare nell'etichetta di segnalazione
Identificazione del produttore (v. punto b) Nome, o marchio, o altro mezzo di identificazione del produttore o del suo rappresentante autorizzato e indirizzo del produttore o del suo mandatario nella Comunità.
Nome del prodotto (v. punto c) Designazione del tipo di prodotto, nome commerciale o codice.
Designazione della taglia (v. punto f) È un pittogramma che fa riferimento alla EN 340 per l'indicazione della taglia.
Immagine che riporta un esempio di indicazioni della taglia
Riferimento alla norma (v. punto e) Bisogna citare la norma di riferimento (EN 471)
Indicazione della classe (v. punto g) È il pittogramma che indica le classi di riferimento della EN 471.

Nel caso del giubbotto (gilet) a fianco del simbolo devono comparire due numeri 2.

Nel caso delle bretelle il numero posto più in alto è il numero 1 e non il 2
Immagine che riporta un esempio di indicazione della classe
Simboli di manutenzione (v. punto i) Sono una serie di pittogrammi che indicano come trattare il dispositivo al lavaggio, stiratura ecc. e il numero max di cicli di lavaggio che il capo può sostenere per rimanere a norma
Marchio CE (v. punto a) È il marchio di conformità europeo. Le proporzioni sono indicate nell'allegato IV del decreto legislativo n. 475 del 1992.
L'altezza dei caratteri è di almeno 5 mm
Immagine del Marchio CE su sfondo millimetrato

Allegato 3 - Esempio di nota informativa del produttore

(le informazioni contenute sono riportate unicamente a titolo di esempio e possono variare; le informazioni che devono essere riportate obbligatoriamente nella nota informativa sono quelle di cui all'allegato II, punto 1.4 del decreto legislativo n. 475 del 1992 come modificato dal decreto legislativo n. 10 del 1997)

NOME, O MARCHIO O ALTRO MEZZO DI IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE O DEL SUO RAPPRESENTANTE AUTORIZZATO

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEI CAPI AD ALTA VISIBILITÀ (GIUBBOTTO)

DISPOSITIVO DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CERTIFICATO SECONDO LA NORMA EN 471/1994

DISPOSITIVO RISPONDENTE AL D.M. 30 dicembre 2003 (indicazione facoltativa)

Immagine del Marchio CE
CEN EN 471/1994
ovvero
UNI EN 471/1995

immagine di un giubbotto

UTILIZZO
Il capo deve essere indossato ed allacciato correttamente ogniqualvolta l'utilizzatore si trovi nelle situazioni previste dall'art. 162 del Codice della strada.
Può essere utilizzato altresì per (indicare gli eventuali altri usi consentiti)

ISTRUZIONI PER LA CONSERVAZIONE DEL CAPO
Tenere in un luogo asciutto e fresco, nell'imballo d'origine, al riparo dalla luce, dall'umidità e dalle polveri al fine di garantire quanto previsto dalla norma EN 471/1994.
I capi impermeabili non devono essere forati o spillati.

ISTRUZIONI PER IL LAVAGGIO
Lavaggio a macchina ad una temperatura massima di 40 °C, centrifugazione ridotta, non trattare con cloro, non stirare.
Non è consigliato il lavaggio a secco.
Non è consigliata l'asciugatura a tamburo.

immagine dei simboli per il lavaggio

DURATA MAX - LAVAGGI
I materiali utilizzati per il confezionamento del D.P.I. sono stati testati per sopportare "x" lavaggi secondo le istruzioni di lavaggio riportate sull'etichetta; non potendo prevedere le condizioni di utilizzo, il numero di lavaggi consigliato è quello riportato sull'etichetta del dispositivo.
L'indumento sottoposto a lavaggio corretto, per il numero di lavaggi indicati sull'etichetta (a condizione che non venga imbrattato con sostanze inamovibili e che non sia stato soggetto ad abrasioni o deterioramenti da parte dell'utilizzatore), conserva le sue proprietà di fluorescenza e retroriflettenza come previsto dalla norma EN 471/1994.

PRESTAZIONI
Il capo indossato e conservato correttamente risponde ai requisiti della norma EN 471/1994.

CERTIFICAZIONI
Nome, indirizzo e n. di identificazione dell'organismo notificato.

immagine grande di giubbotto con le indicazioni X e Y
Il numero posizionato al posto della X indica la classe dell'area del materiale in conformità al prospetto 1 della norma EN 471/1994
Il numero posizionato al posto della Y indica la classe di materiale retroriflettente secondo i prospetti 5 e 6 della norma EN 471/1994

Immagine di indicazione dei simboli e delle diciture dell'etichetta dei D.P.I.

NEWSLETTER

Vuoi conoscere le iniziative e gli eventi della Camera di Commercio?
Registrati gratuitamente al servizio La Camera Informa

Per informazioni:

Tutela del consumatore

Sede di Treviso
Piazza Borsa, 3/B - 31100 Treviso, 4° piano
Tel. 0422 595358 - 230
e-mail: tut@tb.camcom.it
PEC: cciaa@pec.tb.camcom.it (riceve solo da altre PEC)

Orario
INFORMAZIONI TELEFONICHE
mattino: 9.00 - 12.30 dal lunedì al venerdì
pomeriggio: mercoledì 15.00 - 16.30
Santo Patrono: 27 aprile

Capo Settore e Capo Ufficio: Antonio Biasi